Come di consueto, anche quest’anno torna la Sagra dei Maccheroni della trebbiatura, piatto tipico della nostra cultura a cui Roccafinadamo dedica 4 giorni di festa. Giunta alla sua sedicesima edizione, si svolgerà dal 18 al 21 agosto, con un programma ricco di tornei, attività ed intrattenimento.

L’Associazione Penne Medievale ed il Circolo Antichi Mestieri riproporranno le antiche tradizioni contadine presso la frazione più grande del comune di Penne. Ad aprire le danze sarà il gruppo folkloristico La Tribù nel pomeriggio di giovedì, mentre a dar appuntamento all’anno prossimo saranno le autorità alle 23.00 di domenica. Durante le 4 giornate sarà possibile prender parte ad attività didattiche come la visita al museo degli antichi mestieri, escursioni guidate e assistere a dimostrazioni di motoaratura, traiatura, battitura, trebbiatura e svecciatura. Oltre a questi appuntamenti fissi, si aggiungono artigiani come cestai, falegnami, funai, maniscalchi e tessitrici che ogni sera mostreranno come realizzare le proprie creazioni.

I partecipanti avranno l’occasione di toccare con mano le modalità di produzione di un tempo e di vedere personalmente i mezzi con cui veniva svolta, tra cui le trebbiatrici e i trattori d’epoca, che si raduneranno in esposizione domenica mattina. All’aspetto educativo si affiancherà quello ludico, con le gare a premi aperte a tutti: la gara del taglio della legna con stuccone, la gara di briscola e la gara del tiro alla bottiglia. Inoltre, come ogni sagra che si rispetti, sarà possibile gustare piatti succulenti tipici del periodo della trebbiatura e, ad accompagnare le pietanze seguendo la stessa scia, ci saranno gruppi musicali che scandiranno le note al suono del caratteristico “du bott”.

Francesca Di Giovanni