Questa mattina presso la Cantina Zaccagnini di Bolognano l’artista Laura Baldini insieme alla delegazione Ais Marche e Abruzzo, e l’enologo Concezio Marulli hanno svelato l‘opera “Big Bottle”. L’opera è stata realizzata interamente con tappi di sughero, totalmente riciclate. Il progetto Biancorossogreen nasce con la finalità di raccogliere per poi riciclare o riutilizzare il sughero usato per la chiusura delle bottiglie.

Jpeg
Jpeg

Il sughero è un materiale nobile che consente un largo impiego nel riciclo. Le possibilità di riuso sono però ancora più interessanti. L’attività vedrà coinvolti i sommelier (con i corsi e gli eventi), insieme a ristoranti, enoteche ed esercizi commerciali che propongono il servizio del vino. Alla raccolta dei tappi, già iniziata a Verona in occasione di Vinitaly 2015, seguirà un programma a doppia valenza che prevede in prima battuta il coinvolgimento di Associazioni e Onlus per la produzione di piccoli oggetti di uso comune e, contemporaneamente, scuole d’arte e di design, università e artisti con inaugurazioni di mostre con pezzi unici e opere prodotte ad hoc con i tappi raccolti.
Biancorossogreen non sarà solo la promozione di una maggiore consapevolezza e coscienza ambientalista, ma anche un modo per creare una rete di solidarietà.
«Pensate, per la realizzazione dell’opera ho utilizzato circa ottomila tappi di sughero tutti riciclati, sono molto legato alla idea di Joseph Joyce – dice l’artista – e per rendere l’opera contemporanea ho pensato al riciclo. Con il riciclo e con l’opera ho voluto trasmette che le cose buone sono nel duro lavoro».
«Sensazione bellissima, dice Concezio Marulli, enologo della cantina e per l’occasione ottimo cicerone, con quest’opera vogliamo dare un messaggio importante, che è quello di salvaguardare la natura, con il riciclo di materiale usato in cantina. Questa è una cantina che guarda molto all’arte e alla cultura in generale, speriamo sia una di tante opere di Laura Baldini da custodire in cantina».
Redazione Vestina web tv