CONDIVIDI

Anche ieri, il Palatenda di contrada Campetto, a Penne, ha ospitato 20 cittadini, che, per motivi di sicurezza, hanno deciso di trascorrere la notte in un luogo più sicuro. “Non si tratta di sfollati – precisa Antonio Baldacchini, consigliere comunale con delega alla protezione civile – bensì di cittadini che volontariamente, evidentemente per paura, hanno deciso trascorrere la notte in un luogo più sicuro rispetto alla loro abitazione. Vorrei sottolineare che la macchina operativa della protezione civile, insieme con il personale tecnico comunale, ha funzionato alla perfezione sin dalle ore successive al sisma del 30 ottobre – ha incalzato Baldacchini – e colgo l’occasione per ringraziare i volontari della Croce Rossa, protezione civile e soccorso alpino, Volley Penne, nella persona di Massimiliano Perilli, e soprattutto il personale dell’ufficio tecnico coordinato dal responsabile Piero Antonacci. Particolare ringraziamento – prosegue ancora il consigliere Baldacchini – lo rivolgo anche alla società Hospital service che ha messo a disposizione materassi e coperte. La struttura di contrada Campetto sarà disponibile anche questa sera, mentre se non dovessero registrarsi altri eventi sismici, sospenderemo il servizio a partire da domani”. Intanto, sul sito internet del Comune di Penne è disponibile il modulo per chiedere al Centro operativo comunale, che rimarrà ancora aperto, la verifica di agibilità delle abitazioni private lesionate dal sisma.

Ufficio Comunicazione – Comune di Penne