Domenica 17 Settembre parte l’iniziativa “Dal mare al Gran Sasso… scalando le vette dell’anima“, progetto che vedrebbe coinvolte 45-50 persone tra pazienti con problematiche di dipendenza, educatori di comunità, operatori di Noa e Sert e istruttori accompagnatori. Le realtà che vi partecipano afferiscono al settore pubblico, al privato sociale e al mondo del volontariato.

In particolare fanno parte del settore pubblico: U.O.D ASST di Monza, U.O.D. ASST di Vimercate , ATS Brianza; U.O.D. ASST Rhodense.
Nel privato sociale riconosciamo l’ARCA di Como, il Progetto Cooperativa Sociale e la Comunità il Molino-Cooperativa Sociale Sette Onlus. Gli accompagnatori sono istruttori di ALPITEAM (Scuola di Alpinismo) C.A.I. LOMBARDIA nonché del C.A.I. ABRUZZO. Questi si occuperanno di svolgere tutte le funzioni tecniche di accompagnamento e di guida lungo i sentieri e le montagne che affronteremo.

Gli utenti a cui il progetto è rivolto sono persone che hanno sviluppato nel corso della loro vita dipendenze verso sostanze, alcool e gioco d’azzardo. Persone che arrivano da contesti diversi.
Tra i partecipanti, infatti vi sono: coloro che sono inseriti in percorsi comunitari; chi è in carico ai servizi di cura e segue un progetto di recupero territoriale; inoltre le stesse comunità
hanno tipologie d’intervento differenti tra loro. L’obiettivo di tutti rimane comunque uno: lo scambio, il confronto, scoprirsi.

Il percorso programmato ci permetterà di scoprire le terre abruzzesi partendo dal mare e ci porterà, lentamente, ad assaporare il gusto di una vetta alpinistica: il Gran Sasso. La scelta è ricaduta su luoghi che permetteranno di vivere un’esperienza a più livelli: camminare nella natura, nella storia e nella cultura del territorio, fino a vivere la dimensione verticale della montagna, fornendo, ai partecipanti, l’occasione di una rivisitazione della propria esperienza di vita attraverso un percorso interiore.
Effettueremo 6 tappe dal mare alla vetta. Abbiamo fissato come luogo di partenza il mare sulla costa adriatica dell’Abruzzo.
La prima tappa la effettueremo lungo la costa, che poi lasceremo per iniziare ad immergerci nell’entroterra e spostarci sull’appennino. Giorno dopo giorno ci avvicineremo a Campo Imperatore dal quale, al quarto giorno tenteremo la salita alla vetta del Gran Sasso lungo la via normale.
La vetta sarà l’apice del percorso senza però dimenticare che il nostro viaggio terminerà solo con la discesa a valle, con tutti i significati metaforici che salita e ritorno accompagneranno il
cammino.

Il progetto si concluderà, dopo cinque giorni, il 22 a Loreto Aprutino dopo aver toccato Casale San Nicola, Prati di Tivo, Campo Imperatore, Assergi, Fonte Vetica, Rigopiano, Farindola.

Redazione