CONDIVIDI

Il Comune di Pianella aderisce alla raccolta firme per la proposta di legge di iniziativa popolare che intende far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità. L’iniziativa, lanciata dal Comune di Firenze e subito condivisa dall’Anci, è stata oggetto di deposito presso la Corte di Cassazione lo scorso mese di giugno e mira a raccogliere le 50000 firme necessarie in modo da arrivare in Parlamento già nel prossimo autunno.

La proposta intende istituire l’obbligo dell’insegnamento dell’educazione civica in tutte le scuole di ogni ordine e grado, al fine di contribuire alla formazione dei cittadini secondo il rispetto delle istituzioni e delle basilari regole di convivenza. Aspetti, questi ultimi, ritenuti non meno significativi delle altre discipline scolastiche.

Per la sottoscrizione sarà possibile recarsi presso i servizi demografici del palazzo municipale o presso la delegazione di Cerratina nei giorni di apertura.

“Abbiamo voluto condividere questa proposta innanzitutto perché la riteniamo oltremodo opportuna, spiega il Sindaco e membro dell’Anci Abruzzo Sandro Marinelli. Partire dai banchi di scuola, ed ancor prima dalla famiglia, per formare i ‘buoni cittadini’ di domani rappresenta indubbiamente un solido punto di partenza per la costruzione di una cittadinanza attiva e consapevole. Lo studio della costituzione, dei principi di eguaglianza, del rispetto dell’altro o dell’ambiente, conclude il primo cittadino, sono dei pilastri della società dai quali non si può assolutamente prescindere”.