Con l’approvazione della prima annualità del piano degli investimenti da parte del dipartimento della protezione civile nazionale, è stato dato il via alla procedura prevista per porre in essere gli interventi finanziati. Nell’elenco stilato figura anche la messa in sicurezza dal dissesto idrogeologico di contrada Fornace, versante orientale della città vestina, interessato fin dal 2013 da un significativo movimento franoso, aggravatosi nel corso degli anni a causa delle numerose calamità naturali che hanno interessato la regione. Proprio per tali motivazioni l’amministrazione comunale aveva richiesto ed ottenuto il finanziamento per la messa in sicurezza dell’area, considerata a rischio molto elevato attesa anche la presenza di alcune civili abitazioni. I lavori, però, ormai in procinto di essere avviati, furono bruscamente interrotti dalla Regione Abruzzo che, nel 2015, revocò questo ed altri finanziamenti per la messa in sicurezza di numerosi comuni regionali, dirottando altrove i fondi.

Con la sottoscrizione della convenzione con la Regione Abruzzo sarà possibile portare a termine il primo lotto funzionale dell’intervento, finanziato con l’importo di 326.000 euro.

“ Siamo già lavoro per velocizzare al massimo la procedura e procedere con l’affidamento dei lavori nel corso dei prossimi mesi, afferma il sindaco Marinelli. La frana di contrada Fornace rappresenta indubbiamente la situazione con il maggior livello di criticità presente sul territorio comunale, non a caso l’ente aveva preventivamente affrontato una serie di costi tecnici, con la garanzia del precedente finanziamento, successivamente revocato. Per tale motivazione, conclude il primo cittadino, cercheremo di completare rapidamente l’intervento che rappresenta un ulteriore passo in avanti nella gravosa opera di prevenzione del dissesto idrogeologico a cui il nostro territorio, per ragioni geologiche, è particolarmente esposto e che dal 2013 ci ha visto impiegare risorse per oltre 2 milioni di euro provenienti da diverse linee di finanziamento “.