“La risposta del Sindaco Semproni dimostra quanto la sua giunta sia con lo sguardo totalmente rivolto all’indietro e pieno di rancore, mancando completamente una visione d’insieme di Penne o del suo possibile sviluppo.” esordisce il segretario del Partito Democratico di Penne, Andrea Vecchiotti, in risposta al Sindaco Mario Semproni: “Certo fa anche sorridere (se non fosse una situazione tanto seria) il fatto che il Sindaco Semproni dimentichi facilmente che proprio poche settimane fa la Giunta Regionale di centrodestra, che anche lui ha appoggiato, abbia scippato 250.000€ destinati alla viabilità pennese, senza che né lui né tantomeno il gruppo di maggioranza abbiano opposto la ben che minima protesta rendendosi complici di questo scippo. Dimentica anche l’attività portata avanti dall’allora vice-presidente regionale Lolli (PD) e di tutta l’allora amministrazione comunale per giungere positivamente ad un accordo tra Regione Abruzzo, Sindacati e Brioni al fine di ridurre il numero dei licenziamenti inizialmente previsto dal piano di esuberi predisposto dall’azienda stessa.

Ma, soprattutto, il Sindaco Semproni” prosegue Vecchiotti “non deve delle risposte a me o al circolo che ho l’onore di rappresentare, ma ai commercianti ed ai cittadini. Perché ha annunciato pubblicamente che nessun nuovo centro commerciale sarebbe nato senza consultare gli attori interessati e poi approva questa costruzione senza la ben che minima consultazione? Perché e sulla base di quali considerazioni ha cambiato idea? Il sindaco afferma che ci saranno delle ricadute positive per le famiglie, dimenticando che diverse famiglie si reggono anche (se non esclusivamente) grazie alle attività del nostro borgo cittadino.Anche per loro ci saranno ricadute positive? Sulla base di cosa il sindaco afferma che non si insedieranno attività concorrenti a quelle già esistenti, una volta realizzato il fabbricato? Non si ragiona neanche sul fatto che si continui ad investire al di fuori delle mura del nostro centro storico contribuendo a quello spopolamento che, ahimè, sta soffocando il cuore della nostra città.

Piuttosto che alimentare fantasiose ed oscure teorie complottistiche o affaristiche, il sindaco Semproni risponda alle esigenze ed alle preoccupazioni espresse dai cittadini, magari convocando anche un’assemblea pubblica, ed indichi quale modello di sviluppo intende seguire, piuttosto che rimuginare solo sul passato. Su quello i cittadini si sono già espressi ed è “nello stile del PD” riconoscere anche i propri errori ed i propri meriti ed avere la capacità di rinnovarsi nel progetto politico avendo ben chiara la propria idea della Penne futura, senza tralasciare il presente.”

Andrea Vecchiotti, Segretario Partito Democratico-Circolo di Penne