Stamattina, i Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno notificato, una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Pescara su richiesta della Procura della Repubblica di Pescara (P.M. Dott.ssa Silvia Santoro) che ha coordinato le indagini seguite alla rapina perpetrata alla Banca di credito cooperativo di Castiglione Messer Raimondo e Pianella – filiale di Elice (Pe) del 5 marzo scorso.

Il giovane arrestato si era introdotto nell’Istituto di credito e, minacciando con un taglierino gli impiegati presenti, si è fatto consegnare € 2.500 in contanti dandosi subito dopo alla fuga. Indagati in stato di libertà quali complici dell’azione delittuosa sono P.G. 37enne (che non era riuscito ad accedere alla banca per l’attivazione del sistema antintrusione) e V.A. 51enne (autista dell’autovettura utilizzata per la fuga, una Opel Meriva di colore grigio), anch’essi del napoletano.

Decisive le analisi delle immagini riprese dal sistema di videosorveglianza della banca nonché i rilievi tecnici eseguiti sul luogo del delitto immediatamente dopo la commissione dello stesso.