Nel corso di una complessa attività di indagine, i Carabinieri della Compagnia di Penne hanno individuato un giro di eroina e cocaina che aveva come centro un’abitazione di Pescara dove alcuni giovani dell’area Vestina si rifornivano di sostanze stupefacenti.

Per questo i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Penne hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Pescara, nei confronti di una 70 enne di Pescara e del figlio 30 enne per l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

La donna conosciuta nell’ambiente come “La Zì”, si avvaleva anche dell’aiuto del figlio 30enne, il quale gestiva lo spaccio di eroina e cocaina con una vasta clientela di giovani della provincia di Pescara. I militari, in collaborazione con l’unità cinofila e i colleghi di Pescara, hanno inoltre rinvenuto a casa della donna 38 grammi di eroina e 2.5 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e il materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi oltre che denaro in contanti provento dell’attività di spaccio. Cosi la 70 enne è stata anche arrestata in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e ristretta in Carcere. Per questo l’Autorità Giudiziaria del tribunale di Pescara ha disposto, per la donna, la misura cautelare in carcere e per il figlio la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Continua incessante il lavoro dei Carabinieri della Compagnia di Penne, capitanati dal comandante Giovanni De Rosa, nell’attività di contrasto al fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti costantemente impegnati tutti i reparti della del Comando Provinciale di Pescara in stretta sinergia operativa tra di loro