Un furto è stato sventato questa mattina in una abitazione di via Cappuccini a Loreto Aprutino, dove i malviventi hanno cercato di portare via dei fucili da caccia.

L’accaduto intorno all’ora di pranzo quando C.N. Classe ‘72 di Penne ha cercato di intrufolarsi all’interno di un abitazione forzando la finestra al primo piano. Non riuscendoci in un primo momento, l’uomo si è allontanato insieme a due complici che lo aspettavano in macchina, tra cui il figlio minorenne, per prendere un arnese da scasso con cui in un secondo momento è riuscito ad intrufolarsi all’interno della casa. 

I malviventi però non hanno fatto i conti con i vicini che accorgendosi dello strano movimento hanno allertato immediatamente i Carabinieri della locale stazione, guidati dal Maresciallo Francesco D’Orta, che in collaborazione con due volanti giunte da Montesilvano si sono messi subito sulle tracce della macchina bloccata poco dopo in contrada Paterno.

C.N. ora si trova agli arresti domiciliari e verrà processato domani per direttissima. Il figlio minorenne è stato denunciato a piede libero presso il tribunale dei minori.

I proprietari, avvertiti dell’accaduto, sono poco dopo arrivati a casa, in compagnia di C.C. parente dei citati malviventi il quale ha dichiarato ai militari di non sapere nulla dell’accaduto. 

Le indagini nel pomeriggio hanno poi portato alla denuncia di quest’ultimo.