Era molto atteso il consiglio comunale di Pianella che si è tenuto in coda ad una estate nella quale le polemiche e le ipotesi di una crisi amministrativa hanno tenuto banco fino ad ipotizzare la possibile fine anticipata della consiliatura.

In apertura di seduta il Sindaco ha dato lettura del decreto con il quale ha nominato il neo assessore e vicesindaco Romeo Aramini e conferito al consigliere Francesco Chiarieri la delega al bilancio, illustrando in seguito le vicende politico-amministrative che hanno consentito di giungere al rimpasto.

Il dibattito che ne è seguito ha consentito di acclarare che il gruppo “Un obiettivo in Comune”, del quale oltre ad Aramini fanno parte anche Davide Berardinucci e Massimo Di Tonto, resta coerentemente in appoggio alla maggioranza e, pertanto, sembrano definitivamente diradarsi le nubi che si erano addensate nelle ultime settimane.

“ Avevo auspicato – spiega il sindaco Sandro Marinelli – che il passaggio consiliare si rivelasse chiarificatore rispetto ad alcune posizioni, che pure nell’ultimo periodo sembravano aver fatto perdere a molti consiglieri il senso della responsabilità istituzionale e gli obiettivi di pubblico interesse sottesi alla carica, e la conferma espressa dai componenti del gruppo “Un obiettivo in comune”, di voler continuare a sostenere la maggioranza ed il programma premiato dagli elettori sono senza dubbio un ottimo segnale in tal senso.”

“Per tali ragioni, aggiunge il primo cittadino, ho proposto un rinnovato percorso che trovi nella lealtà reciproca e nella coerenza verso gli elettori la sua base, per il quale sarà mia premura strutturare adeguate forme di coinvolgimento di tutti i consiglieri di maggioranza. Spero che l’epilogo di questa imbarazzante parentesi convinca tutti che è necessario mettere al bando azioni e comportamenti che sono guidati da improbabili rivalse o ripicche personali poiché, anche con chi siede in minoranza, come già avvenuto, sarà possibile un confronto costruttivo e concreto, ma solo se si abbandoneranno le vetuste pratiche distruttive e denigratorie che hanno indignato la maggior parte dei cittadini e danneggiato l’immagine della nostra città.”

Il rendiconto di gestione per l’anno 2019, per il quale il Sindaco ha relazionato in merito alla progressiva opera di risanamento ed efficientamento dell’ente portata avanti e certificata anche dal parere favorevole del revisore contabile, è poi stato approvato con i voti favorevoli di tutti i consiglieri di maggioranza, con l’astensione solo di Berardinucci, motivata dal suo mancato diretto coinvolgimento nel corso dell’anno.

Sulla questione interviene l’ex assessore di maggioranza Massimo Di Tonto: “come ampiamente dichiarato a seguito della revoca da assessore, ha votato il consuntivo 2019 in coerenza con il fatto che durante l’anno 2019 è stato assessore nella giunta che amministra Pianella ed ha condiviso le scelte di maggioranza. Tuttavia non sono mancati taluni rilievi critici rilevati durante il consiglio comunale del giorno 8 settembre 2020.
Un disavanzo di € – 5. 412.108,90 è un risultato negativo che non può lasciare tranquilli ancorché gli equilibri di parte corrente e in conto capitale, del bilancio, sono positivi. E quindi durante l’anno 2019 le scelte effettuate anche dal sottoscritto sono risultate buone.
In merito all’appoggio della maggioranza da parte del gruppo “obiettivo in comune” si precisa che durante il consiglio comunale del giorno 8 settembre 2020 l’assessore Aramini non ha dato seguito alle dimissioni da capogruppo come anticipate a voce al consigliere Beradinucci, anch’esso appartenente al gruppo, sicché sarà necessario costituire un nuovo gruppo consiliare, possibilmente allargato, lasciando Aramini unico ed esclusivo consigliere di “obiettivo in comune”.
Per far parte ed appoggiare la maggioranza – conclude Massimo Di Tonto – è necessario condividere le scelte e ciò non è possibile in quanto il sottoscritto non è chiamato alle riunioni di maggioranza ormai dal 27 giugno 2020 e di conseguenza non partecipa alle decisioni.
Nel futuro, coerentemente con quanto premesso, le delibere presentate dalla maggioranza saranno votate se condivise. Il voto non è scontato, ovviamente sarà valutato caso per caso, se le proposte risultano un bene della cittadinanza. Rimango come già si è avuto modo di dire a servizio dei pianellesi.