Per rilanciare l’economia cittadina, la giunta del Comune di Penne ha deliberato e istituito, dopo la sperimentazione dello scorso anno, il divieto di circolazione alle auto su Corso Alessandrini dalle 19:30 alle 02:00, senza nessuna eccezione. Proprio quest’ultimo “ha generato notevoli disagi” come segnalato alla nostra redazione da Antonio Giammarino, residente del centro storico pennese. “Per gran parte della settimana – continua il signor Giammarino – Ci siamo ritrovati uno sbarramento all’inizio di Corso Alessandrini, con un semplice cartello di divieto, senza alcuna indicazione di eccezione per noi. Tale provvedimento rende invivibili le zone interessate”. Così dopo aver raccolto in pochi giorni 50 firme, i residenti hanno presentato una petizione chiedendo “che venga consentito l’accesso ai residenti precisando che tale provvedimento non comporta né un traffico intenso né impedisce l’attività di ristorazione e di commercio. In questo modo vengono salvaguardati tutti i diritti, quelli dei commercianti e dei ristoratori e quelli dei residenti”. La preoccupazione di questi firmatari nasce dopo l’esperienza dello scorso anno quando vi erano state difficoltà nel lasciare la macchina lontano da casa lasciando la spesa in macchina o addirittura gli attrezzi da lavoro; per non parlare dei problemi nell’accompagnare una persona anziana o con problemi di vario genere per i quali non è previsto il permesso come disabile. “Anzi – continuano nella petizione – Nel divieto dello scorso anno, a proposito di disabili, non era indicata nemmeno questa di eccezione. Una cosa del genere non si è mai vista. Le disposizioni per particolari categorie di cittadini sono previste in tutte le città anche in quelle con un intenso turismo”.