La mozione presentata nei giorni scorsi dai Consiglieri comunali di opposizione Remo Giovanetti, Antonio Delle Monache, Moreno Sablone e Chiara Rasetta, ed iscritta all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale in programma l’8 giugno, ha come finalità la volontà di far discutere il Consiglio Comunale sull’impegno preso nel mese di gennaio dalla maggioranza guidata dal sindaco Starinieri che, con un manifesto apparso per le vie del paese, ha promesso a tutti i cittadini
il rimborso, nell’annualità 2021, della 4a rata 2020 della Tari.
Nell’ultimo consiglio comunale del 2020, proprio sull’approvazione del piano finanziario Tari, l’amministrazione Starinieri rischiò di non avere la maggioranza per la posizione assunta da tre consiglieri comunali; l’assessore D’amico che abbandonò l’aula, il consigliere Chiappini che si astenne ed il presidente del consiglio comunale Valentini che, prima dichiarò di astenersi sul punto e poi, dopo la minaccia del sindaco di dimettersi, cambiando improvvisamente idea, decise di votare a favore.
Nonostante il considerevole risparmio per le casse comunali, dovuto alla nuova gara di appalto espletata ed ai costi di gestione più bassi, le tariffe TARI sono rimaste invariate e molto alte! Poiché sono trascorsi circa sei mesi dalla promessa fatta e nessun atto è stato, al momento, emanato in tal senso, in vista anche della scadenza del 30 giugno per l’approvazione delle tariffe TARI 2021, i Consiglieri comunali di minoranza hanno ritenuto opportuno chiedere che il Consiglio comunale discuta della tematica ed impegni ulteriormente il Sindaco e la Giunta a dare seguito alle promesse fatte, pur in tema di riduzione delle tariffe cimiteriali, anch’esse di recente aumentate notevolmente.